Irregolarità dell’alcoltest

Il caso. Un automobilista provoca un incidente, sottoposto ad alcoltest viene riscontrato un tasso alcolemico superiore a quello consentito, ma l’accertamento non è in grado di stabilire quanto alcol ha effettivamente in corpo l’imputato al momento del sinistro posto che l’etilometro è stato utilizzato a distanza di circa due/tre ore dal fatto.

Per ciò che attiene agli elementi sintomatici descritti nel verbale, la sentenza precisa che l’alito vinoso è un sintomo che innanzitutto “può essere confuso per effetto di sostanze che possono simulare tale percezione (es. chetoni che si riscontrano nel digiuno prolungato, nel diabete scompensato e nel reflusso gastroesofageo)” e che, in ogni caso, si riscontra in conseguenza della semplice assunzione recente di sostanze alcoliche senza consentire la ricostruzione dell’entità del tasso alcolemico.

Come evidenziato dal giudice il profilo cinetico dell’alcol etilico è caratterizzato in maniera peculiare dalla circostanza che la velocità di assorbimento gastro-intestinale di tale sostanza dipende da molteplici fattori e che quindi se tra la verificazione del sinistro e l’incidente decorre un discreto lasso temporale non è possibile accertare in termini di certezza l’entità del tasso di concentrazione dell’alcol nel sangue al momento del sinistro. L’imputato è stato pertanto assolto perché il fatto non sussiste.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.