Questo articolo è stato letto 140 volte

La segnalazione certificata di inizio attività (Scia)

 

 

 

 

Con il decreto “Scia 2” (d.lgs. n. 222/2016), sono ora soggetti a “Scia” (nuovo art. 22, c. 1, T.U. Edilizia):

gli interventi di manutenzione straordinaria di cui all’art. 3, c. 1, lett. b), T.U. cit. qualora riguardino le parti strutturali dell’edificio o i prospetti – c.d. manutenzione straordinaria “pesante” (c. 1, lett. a), art. 22 cit. – n. 4 della TABELLA)
gli interventi di restauro e di risanamento conservativo di cui all’art. 3, c. 1, lett. c), T.U. cit. qualora riguardino le parti strutturali dell’edificio – c.d. restauro e risanamento conservativo “pesante” (c. 1, lett. b), art. 22 cit. – n. 5 della TABELLA)
gli interventi di ristrutturazione edilizia di cui all’art. 3, c. 1, lett. d), T.U. cit. – c.d. ristrutturazione edilizia “leggera” (c. 1, lett. c), art. 22 cit. – n. 7 della TABELLA)
le varianti a “permessi” che non incidono sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non modificano la destinazione d’uso e la categoria edilizia, non alterano la sagoma dell’edificio qualora sottoposto a vincolo ex d.lgs. n. 42/2004, e non violano le eventuali prescrizioni contenute nel “permesso” stesso: queste Scia possono essere presentate prima della dichiarazione di ultimazione dei lavori (c. 2, art. 22 cit.).
le varianti a “permessi” che non configurano una variazione essenziale, a condizione che siano conformi alle prescrizioni urbanistico-edilizie e siano attuate dopo l’acquisizione degli eventuali atti di assenso prescritti dalla normativa sui vincoli paesaggistici, idrogeologici, ambientali, di tutela del patrimonio storico, artistico ed archeologico e dalle altre normative di settore: queste Scia sono comunicate a fine lavori con attestazione del professionista (c. 2-bis, art. 22 cit.)

Le Regioni a statuto ordinario con legge possono ampliare o ridurre l’ambito applicativo della Scia, ma restano, comunque, ferme le sanzioni penali delll’art. 44, T.U. (c. 4, art. 22 cit.). Quando la realizzazione degli interventi soggeti a Scia riguardi immobili sottoposti a tutela storico-artistica, paesaggistico-ambientale o dell’assetto idrogeologico, è necessario il preventivo rilascio del parere o dell’autorizzazione richiesti dalle relative previsioni normative (c. 6, art. 22 cit.). Invece di presentare la Scia, l’interessato può comunque chiedere il rilascio del “permesso”, ma in questo caso la violazione della disciplina urbanistico-edilizia non comporta l’applicazione delle sanzioni dell’art. 44 cit., ma è soggetta alle sanzioni dell’art. 37, T.U. (c. 7, art. 22 cit.).

Presupposto indefettibile perché la Scia possa essere produttiva di effetti è la veridicità delle dichiarazioni e la completezza della documentazione a suo corredo, per cui, in presenza di una Scia inesatta o incompleta, permane sempre e comunque il potere dell’Amministrazione di inibire l’attività comunicata. Si badi sempre, insomma, ai limiti di operatività della Scia: in tutti i casi in cui siano accertate violazioni alle leggi e ai regolamenti aventi incidenza sull’attività edilizia, ovvero alle previsioni degli strumenti urbanistici e dei regolamenti comunali, ancorché gli interventi siano astrattamente riconducibili al regime della Scia, detto regime in effetti non si applica, e l’Amministrazione deve ingiungere al proprietario e al responsabile dell’abuso la demolizione con ripristino dello stato dei luoghi (CS, 6, n. 4177/2018): si applicheranno, perciò, le sanzioni previste per la tipologia di intervento in concreto realizzata (CS, 6, n. 193/2018).

PER APPROFONDIRE

Nell’ambito della 40ª edizione del convegno Nazionale “Le Giornate di Polizia Locale e Sicurezza Urbana” che si svolgerà a Riccione dal 15 al 17 settembre 2021 mercoledì 15 settembre si terrà una sessione di lavoro dedicata all’edilizia e all’ambiente

AS5 – Edilizia e ambiente: gli esperti rispondono

15 settembre 2021 – 15.00 – 18.30

Sessione operativa in cui si illustreranno e analizzeranno le novità e gli aspetti operativi più rilevanti e nella quale i partecipanti potranno confrontarsi direttamente con i nostri esperti e porre loro quesiti sugli aspetti di specifico interesse

Moderatore

Osvaldo Busi Comandante Polizia Locale Castellammare del Golfo

Relazioni

Rosa Bertuzzi Avvocato, esperto e consulente in materia ambientale

Stefano Maini Avvocato, Avvocatura civica Comune di Modena

ISCRIVITI AL CONVEGNO

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.